Campagna europea contro la delinquenza finanziaria e i paradisi fiscali




Presentazione (ITA)

L’insieme degli atti di acquisizione, di messa in ircolazione o di utilizzo fraudolente di ricchezze costituisce ci˛ che viene chiamato la "delinquenza finanziaria".

I soldi della delinquenza finanziaria provengono da speculazioni e da traffici di tutti i tipi, come droga, sfruttamento della prostituzione, o altri. Arricchiscono coloro che frodano, alimentano i sistemi di corruzione, finanziano le reti terroristiche, permettono l’arrivo al potere e la permanenza di dittatori grazie al traffico di armi e al pagamento di mercenari.

La delinquenza finanziaria ha tra le sue conseguenze quella di togliere agli Stati i mezzi necessari alle loro spese per la sanitÓ, l’educazione, lo sviluppo sociale del paese.

Essa trova protezione in alcuni Stati, chiamati paradisi fiscali, i quali al fine di attirare i capitali, hanno scelto di accogliere e proteggere coloro che evadono il fisco e si sottraggono alle inchieste giudiziarie. Questi Stati ospitano delle societÓ-schermo organizzate in modo da nascondere l’identitÓ dei loro veri proprietari ed associati.

Il denaro circola e si protegge nei paradisi fiscali grazie al sistema bancario, che pretende controllare da se stesso l’origine dei soldi che fa circolare (autocontrollo bancario), ma nei fatti non lo fa.

Inoltre le banche, che devono conservare le tracce di tutti i movimenti di denaro che effettuano ("clearing"), rifiutano di comunicare queste informazioni, mentre un libero accesso dei giudici a questi dati limiterebbe fortemente le possibilitÓ di delinquenza finanziaria.

Le autoritÓ dei nostri paesi tollerano o traggono vantaggio da questi circuiti illegali.

Per combattere questa specifica forma di delinquenza, alcuni giudici di diversi paesi d’Europa chiesero senza successo, dal 1996, in diversi "Appelli" (Appello di Ginevra, Appello al Parlamento europeo del 1998, Manifesto di Strasburgo) l’adozione da parte dell’Unione europea di regole comuni, che costituiscono il "Corpus Juris" iniziato nel 1997, tra le quali :

- definizione unificata di un certo numero di delitti finanziari internazionali ;

- instituzione di un organo europeo comune (Procura europea) incaricato della ricerca di tutte le infrazioni ; che segue una procedura d’istruzione unificata che permetta di rimuovere gli ostacoli alle inchieste (ricorsi in mala fede).

Vi chiediamo di sostenere questo appello a favore di misure contro i paradisi fiscali e per un migliore controllo bancario, firmando la petizione allegata che viene presentata contemporaneamente in tutti i paesi dell’Unione europea.

 

Campagna europea contro la delinquenza finanziaria e i paradisi fiscali

- © 2003 : Attac Romans